Lydia Hall

Lydia Hall era un teorico infermieristico che ha sviluppato la cura, Cura, modello di base di cura. Lei era un avvocato per i malati cronici e ha lavorato per coinvolgere la comunità in questioni di salute pubblica. Lei era anche molto favorevole di infermieri in tutte le fasi della loro carriera.

Primi anni di vita e di istruzione

Hall è nato il 21 settembre 1906, a New York City come Lydia Eloise Williams. Era la primogenita di Louis V. e Anna Ketterman Williams e prende il nome da sua nonna materna. Suo fratello, Henry, era diversi anni più giovane. Quando era molto giovane, la sua famiglia si trasferì a York, in Pennsylvania, dove suo padre era un medico in medicina generale.


Dopo essersi diplomata alla York Hospital School of Nursing nel 1927 con un diploma in infermieristica, Hall si sentiva come se avesse bisogno di più istruzione. Entrò nel Teacher’s College alla Columbia University di New York e conseguì un Bachelor of Science in public health nursing nel 1932. Dopo un certo numero di anni nella pratica clinica, ha ripreso la sua formazione e ha ricevuto un master in insegnamento delle scienze della vita naturali presso la Columbia University nel 1942. Più tardi, ha perseguito un dottorato e completato tutti i requisiti ad eccezione della tesi. Nel 1945 sposò Reginald A. Hall, originario dell’Inghilterra.

Carriera

L’esperienza infermieristica di Hall era pratica e teorica. I suoi primi anni come infermiera registrata sono stati spesi a lavorare per l “Istituto di estensione della vita della Metropolitan Life Insurance Company in Pennsylvania e New York, dove l” obiettivo principale era sulla salute preventiva. Dal 1935 al 1940, ha lavorato per la New York Heart Association. Nel 1941, divenne infermiera personale presso la Visiting Nurses Association di New York e vi rimase fino al 1947. Mentre era lì, era un sostenitore del coinvolgimento della comunità in questioni di salute pubblica. Nel 1950, ha accettato una posizione come professore al Teacher’s College alla Columbia. Ha insegnato agli studenti infermieristici a funzionare come consulenti medici ed è stata anche analista di ricerca nel campo delle malattie cardiovascolari. Hall è sempre stato interessato all’infermieristica riabilitativa e al ruolo che l’infermiera professionale ha svolto nel recupero e nel benessere del paziente. La sua Cura, cura, teoria di base è stata sviluppata attraverso il suo interesse e la ricerca nel campo della riabilitazione dei malati cronici. Come risultato della sua esperienza nella riabilitazione, Hall è stata coinvolta nella creazione del Loeb Center for Nursing and Rehabilitation presso il Montefiore Medical Center (MMC) nel Bronx, New York. La Casa commemorativa per convalescenti Solomon e Betty Loeb aveva fornito servizi comunitari all’Ospedale di Montefiore dal 1905. Nel 1957, il Consiglio di fondazione decise di espandere i servizi e stipulò una partnership con l’ospedale per costruire una nuova struttura. Il Dott. Martin Cherkasky, direttore dell’ospedale, contattò Hall per guidare l’impresa, e lavorò dal 1957 al 1962 su tutti gli aspetti del progetto, compresa la costruzione e l’amministrazione. Come fondatore e primo direttore, era fermamente convinta che le infermiere fossero responsabili delle operazioni quotidiane. Altri nel team sanitario erano membri secondari. Il Centro Loeb accettò i suoi primi pazienti il 10 gennaio 1963. Il centro aveva criteri rigorosi per l’ammissione dei pazienti e solo i pazienti che avevano superato le fasi critiche delle loro malattie e potevano prendere parte ai loro sforzi di riabilitazione erano accettati. La convinzione di Hall che l’infermieristica creasse l’ambiente terapeutico che portava al pieno recupero di un paziente era la filosofia del centro. L’assistenza infermieristica ha ridotto il tempo di riabilitazione e la durata del soggiorno fino a metà-un terzo. Il centro divenne un ottimo esempio di assistenza infermieristica, e molti centri negli Stati Uniti e in Canada seguirono i suoi principi. Durante il suo tempo lì, Hall ha pubblicato oltre 20 articoli sul Centro Loeb.Purtroppo Lydia Hall morì il 27 febbraio 1969 al Queens Hospital di New York. Genrose Alfano ha continuato il suo lavoro presso il Centro Loeb fino a quando il focus del centro è stato cambiato in quello di cura custodiale nel 1985.

Premi

Nel 1967, Hall ha ricevuto il Teacher’s College Nursing Education Alumni Association (TCNEAA) Achievement in Nursing Practice Award ed è stato anche il loro Nursing Hall of Fame inductee. Nel 1984, è stata inserita nella American Nurses Association (ANA) Hall of Fame.

Cura, cura, Teoria di base

La teoria infermieristica di Hall è talvolta chiamata le Tre Cs di Lydia Hall. Le tre componenti sono rappresentate da tre cerchi separati ma interconnessi. La dimensione di ciascun cerchio varia costantemente e dipende dallo stato del paziente. Il nucleo è il paziente, la cura si riferisce agli interventi medici e infermieristici e la cura è il nutrimento fornito dagli infermieri. Considerava l’assistenza esclusiva all’infermieristica e gli altri due componenti erano condivisi con altri professionisti della salute. La teoria enfatizza il paziente totale piuttosto che guardare solo una parte e dipende da tutte e tre le componenti della teoria che lavorano insieme.

Pubblicazioni relative a Lydia Hall

  • Hall, Lydia E. Core, Care and Cure Model, Nursing Outlook, 1963
  • Henderson, C. Can Nursing Hasten Recovery?, American Journal of Nursing, 1964
  • Teorie infermieristiche: la base per la pratica infermieristica professionale (6a edizione)
  • Wiggins, L. R. Il posto di Lydia Hall nello sviluppo della teoria in infermieristica, Journal of Nursing Scholarship, 1980

Write a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.