In che modo il fumo e lo svapo influenzano una polizza di assicurazione sulla vita? – InsuranceHotline.com

Non dovrebbe sorprendere che i consumatori di tabacco paghino tassi di assicurazione sulla vita più elevati.

Secondo uno studio dell’Università di Waterloo, il 15,1% o 4,6 milioni di canadesi adulti fumano tabacco. I rischi per la salute legati al fumo sono ben noti. Le malattie legate al fumo vanno dai tumori del polmone, della gola e della vescica alla bronchite cronica e all’enfisema. Inoltre, il fumo aumenta il rischio di infarti e ictus.

Per quanto riguarda i fumatori, le compagnie di assicurazione si proteggono dal rischio più elevato rappresentato dai fumatori aumentando le tariffe per i consumatori di tabacco.

Una polizza di assicurazione sulla vita fornisce i beneficiari con una specifica quantità di denaro delineato in tale politica dovrebbe morire. La mancata divulgazione delle vostre abitudini di fumo a un assicuratore quando si applica per una polizza di assicurazione sulla vita costituisce frode. Potrebbe comportare l’annullamento della tua politica o il rifiuto di un reclamo. Ma cosa succede se inizi a fumare dopo aver già stipulato una polizza?

Che cosa costituisce un fumatore ai fini assicurativi?

Ci sono molti livelli di uso del tabacco, dal fumatore occasionale al fumatore quotidiano. Gli assicuratori non fanno distinzione tra utenti occasionali e regolari di nicotina. Gli assicuratori possono classificarti come fumatore se usi prodotti alla nicotina di qualsiasi tipo, tra cui sigarette, sigari, sigaretti e tabacco da masticare, nonché prodotti per smettere di fumare.

Quando si compila una domanda di assicurazione sulla vita, vi verrà chiesto circa l’uso di tabacco entro un periodo specificato, che è comunemente sei a 12 mesi. Qualsiasi livello di uso di nicotina durante quel periodo ti classificherà come utente di tabacco a fini di assicurazione sulla vita.

Le politiche sul tabacco sono emesse con un premio più alto rispetto alle politiche per non fumatori,non importa quanto sia buona la tua salute. Se tu fossi un non-fumatore al momento della vostra applicazione, si sarebbe rilasciato un regolare non-tabacco politica utente.

Cosa succede se si inizia a fumare dopo aver ottenuto l’assicurazione sulla vita?

Se si inizia a fumare dopo la vostra polizza di assicurazione sulla vita è stato approvato e rilasciato, è difficile per la vostra compagnia di assicurazione per scoprire. Ci sono alcune situazioni, tuttavia, in cui vi troverete di fronte qualche difficoltà di conseguenza.

La maggior parte delle compagnie di assicurazione hanno qualcosa chiamato il periodo di contestabilità, durante il quale i benefici di assicurazione sulla vita possono essere messi in discussione. Se muori durante quel periodo, ci sarà un’indagine sulle circostanze. Supponiamo che la compagnia di assicurazione scopre che hai travisato qualcosa sulla tua applicazione come l’uso del tabacco. In tal caso, possono negare il reclamo o regolarlo per consentire i premi che avresti dovuto pagare come fumatore.

Se inizi a fumare dopo essere stato approvato per una politica di non fumatori, tecnicamente non hai commesso frodi, poiché eri, di fatto, un non fumatore quando hai firmato i documenti. Ma cosa succede se la tua morte si verifica per una malattia legata al fumo? In tal caso, potrebbe essere difficile per la compagnia di assicurazione determinare esattamente quando hai iniziato a fumare e potrebbe esserci qualche sospetto di frode. Se ci sono segni che hai fumato per un periodo prolungato, i tuoi beneficiari potrebbero perdere l’intero importo del beneficio della politica.

In che modo lo svapo influisce sull’assicurazione sulla vita?

Vaping, o utilizzando e-sigarette, può anche influenzare un premio di assicurazione sulla vita. Lanciato come alternativa al fumo tradizionale, lo svapo comporta il consumo di un aerosol spesso mescolato con nicotina attraverso un dispositivo elettronico che simula il fumo di tabacco.

Health Canada avverte che lo svapo con nicotina può portare alla dipendenza da nicotina. Inoltre, potrebbero esserci conseguenze a lungo termine per la salute poiché l’inalazione delle sostanze nei prodotti vaping è sconosciuta e continua ad essere valutata. Ad esempio, la Heart and Stroke Foundation of Canada avverte che lo svapo è legato a problemi respiratori e aumento della pressione sanguigna.

Sebbene ci possa essere variabilità tra gli assicuratori sulla vita sul fatto che lo svapo sia trattato allo stesso modo delle persone che fumano sigarette o cannabis, ma se lo svapo, è probabile che sarai considerato un fumatore e dovrai affrontare premi di assicurazione sulla vita più elevati.

Come il fumo influisce sulle polizze di assicurazione sulla vita a termine

Se hai stipulato una polizza di assicurazione sulla vita intera o universale, l’assunzione di fumo non influirà sui premi, perché sono bloccati per tutta la vita. Le modifiche al tuo stato di salute potrebbero non influire sulle tue tariffe.

Le politiche a termine, d’altra parte, scadono o si rinnovano e spesso è necessario un nuovo esame medico per continuare o ottenere una maggiore copertura. L’esame medico e il questionario sono progettati per scoprire eventuali cambiamenti nel tuo stato di salute da quando hai preso una politica, incluso l’assunzione di fumo. Un test delle urine può mostrare prove dell’uso di nicotina.

Abbiamo fatto un rapido confronto dei premi di assicurazione sulla vita nel mese di agosto 2020 su un policy 250.000 10 anni termine polizza di assicurazione sulla vita che fornisce una copertura unica sia per un fumatore e non fumatore. I nostri clienti fittizi erano un uomo e una donna di 30 anni che vivevano a Toronto. La differenza di premi sono degni di nota. Ecco le tariffe più basse che abbiamo trovato:

Write a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.