Bougainville, Louis Antoine De

(b. Parigi, Francia, 11 novembre 1729; d. Parigi, 31 agosto 1811)

geografia, matematica.

Bougainville era figlio di un notaio, Pierre-Yves de Bougainville. Per sfuggire alla professione di suo padre si arruolò nell’esercito, prestò servizio con Montcalm in Canada e, di sua iniziativa, fondò una colonia francese nelle isole Falkland nel 1764. Due anni dopo è stato incaricato di navigare in tutto il mondo. Al suo ritorno ricevette molti onori e fu promosso sia nell’esercito che nella marina. Vide un ulteriore servizio in Nord America, Si sposò in una famiglia navale nel 1780 e ebbe quattro figli. Nonostante le sue simpatie monarchiche, sopravvisse al Terrore. Sfuggì al massacro di Parigi e visse tranquillamente per il resto della sua vita. Fu socio dell’Académie des Sciences, membro della Legion d’Onore, conte dell’impero sotto Napoleone e senatore. Fu sepolto con tutti gli onori nel Panthéon.

Bougainville contributi alla scienza sono stati due volte: ha iniziato una carriera in matematica, ma ha raggiunto la sua più grande fama come esploratore. Al termine della sua scuola passò sotto l’influenza di d’Alembert, e di conseguenza scrisse il Traité du calcul-intégral durante il 1752. L’Hospital aveva scritto il primo libro di testo sul calcolo nel 1696. Il contributo di Bougainville è stato quello di estendere L’Hospital’s trattato per coprire il calcolo integrale e per portare il calcolo differenziale fino ad oggi. Ha portato tale chiarezza e ordine all’argomento, oltre a incorporare nuovi lavori, che ha ottenuto un riconoscimento immediato. L’Académie des Sciences notò il lavoro nel gennaio 1753. E ‘ stato pubblicato l’anno successivo, e all’inizio del 1756, ha portato Bougainville elezione alla Royal Society di Londra. Un ulteriore volume è stato pubblicato nel 1756, e questa è stata la fine della sua carriera come matematico.

Alla fine del 1766 Bougainville lasciò Nantes con la fregata La Boudeuse. Dopo aver consegnato la colonia dell’isola Falkland alla Spagna nel 1767, chiamò a Rio de Janeiro per incontrare la sua nave di rifornimento. A bordo c’era il botanico Commerson. Tra le piante che Commerson raccolse intorno a Rio de Janeiro c’era un arbusto rampicante con grandi brattee rosso porpora che chiamò bouganville.

Le due navi lasciarono le Isole Falkland nel luglio 1767 e navigarono attraverso lo stretto di Magellano. Entro la fine di marzo 1768, Bougainville stava scoprendo nuove isole nell’arcipelago pacifico delle Tuamotu. Salpò per Tahiti, solo per scoprire che La Nouvelle Cythère, come la chiamò, era stata scoperta otto mesi prima da Samuel Wallis. Navigando verso ovest, ha quasi raggiunto la Grande Barriera Corallina, ma ha girato a nord senza esplorare ulteriormente. Bougainville navigò attraverso un arcipelago che chiamò Louisiade, e scoprì due delle Isole del Tesoro prima di raggiungere le Salomone. Sopra 1 luglio ha lasciato la costa occidentale dell ” isola Choiseul e per tre giorni navigato lungo “una nuova costa che è di un” altezza sorprendente.”Questa è ora Bougainville Island, e lo stretto tra esso e Choiseul è Bougainville Strait.

Entrando nelle Molucche, Bouganville trovò una “specie di gatto selvatico che porta i suoi piccoli in una tasca sotto la pancia”, e così confermò ciò che Buffon aveva dubitato, che i mammiferi imbustati esistessero nelle Indie Orientali. Nel 1771 Bougainville pubblicò il best-seller Voyage autour du monde.

E ‘ stato detto dai francesi che, nonostante le sue capacità matematiche, Bouganville non è stato grande navigatore. Ma è stato il primo francese a navigare in tutto il mondo. Il suo viaggio durò tre anni e, in un’epoca in cui il tasso di mortalità per i marinai era alto, perse solo sette uomini. Chiamò nuove isole nelle Salomone e nell’arcipelago delle Tuamotu; e fu il primo a fare osservazioni astronomiche sistematiche di longitudine, fornendo carte preziose per i futuri marinai nel Pacifico.

L’atteggiamento di Bougainville nei confronti dell’esplorazione può essere riassunto nelle sue stesse parole: “Ma la geografia è una scienza dei fatti; non si può speculare da una poltrona senza il rischio di commettere errori che spesso vengono corretti solo a spese dei marinai” (Voyage autour du monde, p. 210).

BIBLIOGRAFIA

I. Opere originali. Le opere di Bougainville includono Traité du calcul-intégral, pour servir de suite à I’analyse des infiniment-petits du Marquis de l’Hôpital, 2 voll. (Parigi, 1754-1756); Voyage autour du monde (Parigi, 1771); “Journal de l’expédition d’Amérique…, “in Relazione dell’archivista della Provincia del Quebec (1923/1924), pp. 204-393, trans, e ed. di E. P. Hamilton come avventura nel deserto, the American Journals 1756-60 (Norman, Okla., 1964). MSS sono negli Archivi Nazionali, Parigi.

II. Opere di letteratura secondaria su Bougainville sono J. Dorsenne, La vie de Bougainville (Parigi, 1930); e J. Lefranc, Bougainville et ses compagnons (Parigi, 1929).

Wilma George

Write a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.